SelezionaLingua

Informativa tassa di soggiorno

Milano, come molte città in Italia e nel Mondo, ha introdotto una Tassa di Soggiorno per i turisti e i visitatori che vi soggiornano.

L’importo varia da €. 2,00 a €. 5,00 per notte, a seconda della tipologia e del numero di stelle della struttura, come da deliberazione della Giunta comunale n. 1222 del 21/06/2013.

La struttura è tenuta a rilasciare una ricevuta separata per la somma pagata o a indicare sulla fattura la somma corrispondente alla Tassa di Soggiorno.

Il personale è tenuto a fornire tutte le informazioni relative alle categorie esentate dal pagamento.

Per l’anno 2015 non è prevista la riduzione dell’imposta di soggiorno per il mese di agosto.

Le entrate della Tassa di Soggiorno finanzieranno interventi per preservare il patrimonio storico-culturale della città e migliorare i servizi offerti a tutti i turisti.

L’Amministrazione Comunale
Rif.: D.C.C. del 11/6/12 n. 19; D.G.C. del 21/6/13 n. 1222

 

Sono esentati dal pagamento:

  1. I minori di 18 anni
  2. I giovani fino a 30 anni che pernottano negli Ostelli per la gioventù gestiti da soggetti pubblici o privati per il conseguimento di finalità sociali, educative e culturali
  3. Gli accompagnatori di degenti presso le strutture sanitarie del territorio della Provincia di Milano
  4. I soggetti che a seguito di ricovero ospedaliero proseguono le cure presso le strutture sanitarie del territorio della Provincia di Milano
  5. Coloro che soggiornano per il periodo che va dal quindicesimo giorno di permanenza in avanti:
    – Nei residence
    – Nelle case per ferie gestite da soggetti no profit (dal 1° gennaio 2013)
    – Nelle case ed appartamenti per vacanze (dal 14 giugno 2014)
  6. Il personale appartenente alle Forze dell’Ordine e/o Forze Armate che per ragioni di servizio alloggia nella Città di Milano
  7. Gli studenti universitari di età non superiore a 26 anni che alloggiano in strutture, in pensionati o residenze universitarie
  8. Le persone con disabilità e i loro accompagnatori 9.In caso di calamità e grandi eventi individuati dall’Amministrazione:
    – Tutti i volontari della Protezione Civile provinciale, regionale e nazionale
    – Gli appartenenti alle associazioni di volontariato

Rif.: D.C.C. del 11/6/12 n. 19; D.C.C. del 26/11/2012 n. 56; D.C.C. del 05/05/2014 n. 13